Incontro tra i circoli Pd di Marcellinara e Tiriolo

Marcellinara, Lunedì 27 Novembre 2017 - 15:17 di Redazione

Nell’ambito di una iniziativa tesa a definire i caratteri innovativi della progettualità politica sulla quale intende misurarsi il PD si è svolto un incontro tra i due circoli territoriali. Convocato di comune accordo dai due segretari, Giovanni Paone e Giovanni Torcasio e con l’intenzione di estendere il lavoro nell’ambito territoriale più vasto fino a comprendere la maggioranza dei comuni che si collocano nell’area dell’istmo di MARCELLINARA, si è impostata una proposta di lavoro sulla quale si chiede il pieno coinvolgimento delle istanze di partito provinciale e regionale.  E’ del tutto evidente che tale attività dovrà riflettersi anche ai livelli istituzionali e di governo ma occorre intanto definirne i contenuti e le modalità. Nei giorni scorsi si è parlato spesso del ruolo dell’area centrale della Calabria e anche a sproposito, in rapporto alla realizzazione della Zona Zes in Calabria. Si sono fatti portatori i sindaci del capoluogo e di Lamezia senza tenere conto che nell’area intermedia insistono una decina di comuni che spesso concorrono alle carenze dei due centri e che insieme raggruppano una popolazione di oltre ventimila abitanti e accolgono aree commerciali, piattaforme logistiche e industriali che non han trovato accoglienza nei territori cittadini. Peraltro il Comune di Tiriolo rappresenta una porta di ingresso sulla vasta area del Reventino e della Sila e viceversa, un territorio che si sviluppa verso la valle del Corace in direzione della sede della Cittadella Regionale. Dall’altra Marcellinara con la sua area produttiva e logistica confinante con i territori di Maida, Pianopoli e Feroleto a ridosso l’area commerciale dei “Due Mari”.  Dalla riunione è venuta forte la necessità di mettere in rete tale potenzialità e di farle valere e pesare per come meritano e per quello che ancora possono dare allo sviluppo della provincia e della Regione. In questo ambito si è discusso di come andare oltre le esperienze istituzionali delle Unioni anche se ancora non si appalesa una intenzione alla fusione istituzionale di tutta l’area segnata da una accentuata municipalità. Unanime però è l’esigenza di raccordare le progettualità e di farsi promotori di una idea progettuale di sviluppo sulla gestione delle aree produttive, sulla gestione di servizi in comune sulla qualificazione della mobilità e della viabilità e come utilizzare la legislazione più recente sui piccoli comuni per incentivare la residenzialità e le opportunità di protezione sociale e di qualificazione urbana.  Il lavoro intrapreso si propone di calendarizzare una iniziativa pubblica per far conoscere proposte e raccogliere le eventuali suggerimenti critici e migliorativi. Si vuole inaugurare un metodo, anche nel Partito Democratico che possa essere di stimolo a tutta la politica e alle forme in cui si manifesta nei nostri territori. Una partecipazione che non si riduca alla giusta lamentazione o alla protesta per le stesse cose che non vanno e che ciascuno auspicherebbe cambiare. Occorre rilanciare una stagione di impegno politico che non si identifica tanto con le cariche di potere e di governo ma nel rilancio di quella funzione di servizio della politica che raccoglie e risponde a bisogni e a diritti a partire da quello fondamentale del lavoro che definisce in principio di cittadinanza.  Il ragionamento intrapreso parte dalla consapevolezza di proporsi mire ambiziose, e pertanto auspica che possa avere il sostegno che merita da tutte le rappresentanze di partito, istituzionali e di governo per poter produrre gli effetti desiderati.



Testata Registrata al Tribunale Catanzaro N.R. 1078/2011 N.R.S. 12   |   Direttore Responsabile Alessandro Manfredi   |   P.Iva 03453040796 Media Web srls
Tutti i diritti riservati ©   |   Autorità per le garanzie nelle comunicazioni - ROC NR. 21658 2code 2code